Educazione e istruzione = sviluppo economico. #EDUCATIONCAN

Educazione e istruzione = sviluppo economico. #EDUCATIONCAN

“Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela ciascuno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee”.

Con questa celebre intuizione, lo scrittore irlandese George Bernard Shaw sottolineava, con un certo grado di genialità, come l’economia sia indissolubilmente correlata alle conoscenze, alle idee e ai valori dei singoli individui. Lo scambio di cui parla Shaw, è infatti lo scambio economico fondato sul capitale umano, quell’insieme di facoltà e risorse umane acquisite durante la vita dalla persona che danno luogo alla capacità dell’uomo di trasformare l’ambiente in cui vive per raggiungere il un maggior grado di benessere, del singolo come della collettività.

L’economia, prima che lo sfruttamento delle risorse e dei capitali tangibili, è economia della conoscenza. E come possono crescere le conoscenze se non attraverso l’educazione e l’istruzione?

Lo ha ben compreso il Consiglio Europeo quando, all’inizio di questo terzo millennio, ha indicato con il Trattato di Lisbona come determinante il ruolo svolto dall’istruzione e dall’educazione continua nel processo di crescita della competitività dell'Europa nel mondo, oltre che in quello di rafforzamento della coesione sociale e del benessere individuale dei cittadini.

Come indicato dal Ministero dello Sviluppo Economico italiano, gli effetti socio-economici generati in un Paese da maggiori investimenti in educazione e istruzione possono essere condensati in tre tipologie:

Continua a leggere e guarda i video che abbiamo realizzato a Milano, Roma e Napoli