L'intervento del sindaco Claudio Ricci all'inaugurazione di Assisi

"L'energia diffusa di progetti come la Carovana del Cuore vale il 5% del nostro PIL"

L'intervento del sindaco Claudio Ricci all'inaugurazione di Assisi

"Ben arrivati presso la sala della Conciliazione del Comune di Assisi. Ringrazio per la loro presenza il consigliere comunale, Leonardo Paoletti, e il capogruppo Rino Freddii.

Ricordo quando Patrizio Paoletti 20 anni fa mi parlava di comunicazione come valore, addirittura parlava di comunicazione come uno strumento che poteva dare valore aggiunto, fisico ed economico, alle nostre vite. Sono passati 20 anni e quelle sue intuizioni si sono sedimentate nelle opinioni dei più autorevoli economisti e sociologi, che oggi definiscono lo scambio continuo di informazioni e di valori come “internet delle cose”.

Io credo che le vostre attività, i progetti della Fondazione Paoletti, attingano energia proprio dall’internet delle cose, dalla capacità di mettere insieme persone, dal combinare fattori, dallo scambio di informazioni e di valori. Da questo punto di vista siete stati pionieri di questa strada. Per questo vi ringrazio per la positiva, crescente collaborazione con l’amministrazione di Assisi.

Qualche giorno fa, il noto sociologo Giuseppe De Vita ha parlato di localismo strategico, ha voluto sottolineare l’importanza dei localismi che dialogano. Un po’ come se, dopo le prospettive della globalizzazione che ci voleva rendere tutti uguali, avessimo riscoperto che in realtà il valore si genera quando ognuno è diverso e quando si fa proprio della diversità l’elemento di forza. Credo che l’esperienza della Carovana del Cuore, questo vostro viaggio, sia una ricerca di localismi strategici orientato ad un obiettivo chiaro e concreto, che è quello di sostenere la persona e difendere i diritti dell’infanzia. Voi andate verso i luoghi, verso le persone, le città, le comunità. Fate voi il primo passo verso i localismi e questo è un altro elemento che da alla vostra iniziativa una forte connotazione di modernità.

Continua a leggere