I 4 pilastri dell'educazione: imparare a conoscere, a fare, a vivere insieme e ad essere. #educationcan

I 4 pilastri dell'educazione: imparare a conoscere, a fare, a vivere insieme e ad essere. #educationcan

I contesti sociali ed economici degli ultimi anni, che stanno vedendo aumentare le povertà e i conflitti, acuirsi le diseguaglianze sociali, le emergenze alimentari, sanitarie e ambientali, hanno evidenziato l’insostenibilità dei modelli di sviluppo del passato.
 
È il momento di investire sul capitale umano, sull’educazione di bambini e adulti per innescare il processo di miglioramento personale e collettivo di cui abbiamo bisogno.
 
L’educazione, infatti, è lo strumento capace di avviare un cambiamento che permetta di passare da un mondo fondato sulla quantità, ad un mondo che assuma come valore la qualità: della vita, delle relazioni tra gli uomini, dei rapporti tra l’uomo e il pianeta.
 
Ma quale tipo di “educazione” può farci compiere questo passo così importante? Certamente un’educazione intesa come un processo che inizia con la nostra vita e che per tutta la nostra vita ci permetta di sviluppare tutte quelle abilità cognitive, emotive e relazionali capaci di darci una visione più ampia di noi stessi e di ciò che ci circonda.

Secondo l’Unesco, la condizione imprescindibile per compiere un cambiamento concreto è che le nuove generazioni imparino, e che ognuno di noi impari, a “conoscere, a fare, a vivere insieme e ad essere”. Sono queste le competenze della persona, che l’Agenzia specializzata delle Nazioni Unite che promuove l’educazione come strumento di pace e coesistenza, ha indicato come i 4 pilastri di uno sviluppo sostenibile.

Continua a leggere